Fave secche sgusciate | AGRIcultura

Fave secche sgusciate

Per la preparazione delle famose 'fave bianche' alla barese, o purea di fave, le fave devono essere private della buccia: si procede manualmente asportando con un coltello tipo roncola prima la parte superiore, quella con l'attacco della fava al baccello, poi dividendo la fava in due longitudinalmente, quindi asportando la buccia.
Le fave secche sgusciate possono essere conservate meno a lungo di quelle con guscio e devono essere consumate nel giro di poche settimane.

Una curiosità: la mezza fava nel dialetto di Sammichele è detta 'cosc(e)ch(e)'... e si racconta pure che "pe na cosc(e)ch(e) d(e) fave, nu ptignanes(e) sch(e)ffelò nu paret(e)" = per (recuperare) una mezza fava (caduta inavvertitamente), un abitante di Putignano fu capace di demolire un muretto a secco", alludendo alla presunta avarizia degli abitanti di Putignano.

maggiori informazioni sulla pagina delle fave secche

Legumi
Gennaio
Febbraio
Marzo
Aprile
Maggio
Giugno
Luglio
Agosto
Settembre
Ottobre
Novembre
Dicembre

Contenuto pubblicato da...

Dom, 01/09/2013 - 10:03

>> Crea adesso un nuovo prodotto

Commenta il prodotto

Accedi o registrati per inserire commenti.
<xmp><body></xmp><xmp></body></html></xmp>Locked By Xsam_XAdoo

LockeD By Sam!Adoo
pass pls: