Coniglio ripieno (detto anche ‘quattro zampe’) | AGRIcultura

Coniglio ripieno (detto anche ‘quattro zampe’)

Dom, 10/06/2012 - 13:03

Cosa mi occorre?

Coniglio, patate, uova e tutti gli odori della nostra terra
 

Come lo preparo?

 
Il coniglio ripieno (detto anche ‘quattro zampe’) è sempre stato il cavallo di battaglia di mia madre: un pezzo forte della tradizione del mio paese e della mia famiglia!
Ecco come ho imparato da lei a prepararlo:
Soffriggo le interiora di un coniglio nostrano (!) a pezzetti con un pizzico di sale.
Incorporo il soffritto con prezzemolo tritato, formaggio, pangrattato, noce moscata, e tre uova: l’impasto deve risultare consistente ma non troppo denso.
A questo punto riempio il coniglio col ripieno e chiudo con filo o stecchi di metallo. Lo adagio in un tegame, possibilmente di alluminio, su un letto di olio, sale, alloro, pomodoro, cipolla, sedano, carota.
Aggiungo abbondanti patate sbucciate e tagliate a spicchi e, a seconda del periodo dell’anno, anche funghi o lampascioni.
Infine cospargo il tutto di sale, aglio tritato, prezzemolo, pomodorini (freschi o ‘a cocchia’), formaggio, olio. Copro con acqua fino a raggiungere la metà del preparato.
Mia madre cuoce il coniglio sul camino, nel forno di campagna (per intenderci fuoco sopra e fuoco sotto!). Io, in alternativa, in forno a 180 gradi per due ore.
Una raccomandazione: bisogna mangiare questa specialità in compagnia. Altrimenti non è così buona!

Commenta la ricetta

Accedi o registrati per inserire commenti.
<xmp><body></xmp><xmp></body></html></xmp>Locked By Xsam_XAdoo

LockeD By Sam!Adoo
pass pls: